Rock Revolution Story: QUEEN

Rock Revolution Story

Rock Revolution Story: 26-04-2020 – Queen

Ogni Domenica dalle 19:00 su Radio One
“Rock Revolution Story” il mondo del Rock raccontato alla radio con Filippo Brancato
La Puntata di oggi: Queen

I Queen sono uno dei più importanti gruppi rock della storia della musica, molto popolare soprattutto negli anni settanta ed ottanta. Nonostante la morte del frontman Freddie Mercury il 24 novembre 1991, ancora oggi mantengono un grande seguito sia fra le vecchie che fra le nuove generazioni. Il loro nome equivale all’appellativo inglese per Regina. Si stima che il gruppo abbia venduto circa 300 milioni di dischi, di cui oltre 32.5 milioni nei soli Stati Uniti, risultando perciò tra gli artisti di maggior successo commerciale della storia. Con le loro 1422 settimane nelle classifiche sono gli artisti di più lungo successo commerciale nel Regno Unito, superando leggende della musica, come i Beatles o Elvis Presley. Nel 2001 la band è stata inclusa nella Rock and Roll Hall of Fame, nel 2004 nella UK Music Hall of Fame e, nello stesso anno, il brano Bohemian Rhapsody è entrato nella Grammy Hall Of Fame, seguito nel 2009 dai brani We Will Rock You e We Are The Champions. Inoltre il complesso è l’unico nella storia ad essere stato ammesso per intero nella Songwriters Hall Of Fame.

I Queen si formarono nel 1970, dopo che Freddie Mercury (vero nome Farrokh Bulsara), cantante e pianista del gruppo Sour Milk Sea, si era unito agli Smile, rimasti in due (Brian May e Roger Taylor) dopo l’abbandono del cantante e bassista Tim Staffell.
Subito dopo la sua entrata nel gruppo, Mercury propose di cambiare il nome della band in Queen. Nel 1971, dopo aver provato nelle prime esibizioni alcuni bassisti, la band decise di assumere definitivamente John Deacon.
Nell’estate del 1973 i Queen pubblicarono il loro primo album, dall’omonimo titolo. L’uscita dell’album fu anticipata dalla pubblicazione del singolo Keep Yourself Alive, che però non fece mai comparsa nelle classifiche britanniche (anche a causa della mancanza di promozione radiofonica), e anzi venne definito addirittura “osceno” dai critici della rivista Rolling Stone. A distanza di anni dalla sua pubblicazione, Queen sarebbe stato però considerato un ottimo album d’esordio. Il disco contiene anche Seven Seas of Rhye, ma non si tratta della stessa versione conosciuta dalla maggior parte delle persone, quella cioè pubblicata come singolo l’anno dopo ed inclusa nel loro primo greatest hits, bensì di una versione strumentale.

Nel febbraio del 1974 vide la luce Queen II, il loro secondo album, diviso in due, Lato Bianco (White Side) e Lato Nero (Black Side), composti rispettivamente da Brian May e Freddie Mercury con un contributo di Roger Taylor nel White Side. Quest’album è stato più volte considerato da parte della critica un concept, incentrato sull’eterna lotta tra il bene ed il male. Il singolo estratto fu la versione cantata di Seven Seas of Rhye, loro prima hit.
Il 1974 si rivelò comunque un anno più soddisfacente per la formazione inglese, soprattutto perché in ottobre riuscì a pubblicare Sheer Heart Attack, terzo album in studio. Composto da una
notevole varietà di stili musicali, il singolo più famoso tratto dall’album fu Killer Queen, che raggiunse la seconda posizione, anche stavolta solo in Gran Bretagna.
Il 1975 fu l’anno dell’affermazione. I Queen passarono molto tempo in sala di registrazione, in ben sei studi di produzione, con la guida del produttore Roy Thomas Baker ed incisero l’album A Night at the Opera, l’album più costoso dell’epoca. Il titolo è ispirato all’omonimo film dei fratelli Marx, ed è uno dei loro album di maggior successo. Contiene una delle loro canzoni più celebri, Bohemian Rhapsody, scritta da Freddie Mercury e accompagnata da quello che è definito il primo videoclip della storia: il brano rimase per ben nove settimane consecutive al primo posto della classifica inglese .

Nel 1976, dopo aver ottenuto un certo successo di critica e pubblico, i Queen si esibirono in un concerto gratuito ad Hyde Park, a Londra, dove si radunarono circa 176.000 persone, un buon risultato per la band. In tale occasione furono presentati anche brani appartenenti al loro album successivo, A Day at the Races, che all’epoca venne considerato non all’altezza del precedente, nonostante fosse di ottima qualità e contenesse brani molto apprezzati come Somebody to Love, in cui i Queen tentarono di rifarsi al genere gospel, il brano hard rock Tie Your Mother Down, pezzo forte di tutti i loro futuri concerti.
Il 1977 vide il nascere del movimento punk, ma i Queen seppero adeguarsi alla moda del momento ancora una volta e resistere alla crisi del rock. In due mesi e mezzo registrarono News of the World, il loro sesto album, che si contraddistingue per sonorità più immediate e grezze e fu il loro secondo successo negli Stati Uniti. L’album contiene le due “hit da stadio”, spesso suonate in occasione degli eventi sportivi, We Are the Champions e We Will Rock You, rispettivamente scritte da Freddie Mercury e Brian May.
Nel 1978 i Queen lanciarono Jazz, con un party sopra le righe, come nel loro solito stile, a New Orleans. L’album venne criticato sia dalla stampa sia da una parte del pubblico, per essere troppo pomposo e artefatto, gli stessi motivi che portarono molti altri ad osannarlo. Tra le sue canzoni più famose ci sono Fat Bottomed Girls, un hard rock grezzo scritto da Brian May, Bicycle Race, un pezzo che prende in giro miti e luoghi comuni dell’epoca ed accompagnato da un video (poi censurato) che presentava ragazze nude in bicicletta, e Don’t Stop Me Now, allegra cavalcata di pianoforte e voce, scritte entrambe da Freddie Mercury.

Dopo una lunga serie di concerti, nel 1979 uscì Live Killers, il loro primo album live. Negli anni seguenti, tutti e quattro i membri della band si dichiararono non soddisfatti dal messaggio sonoro del disco.
Nel 1980 i Queen compirono un’altra svolta stilistica, pubblicando l’album The Game. Affidandosi alle cure del produttore Mack, ripulirono il loro stile dalla pomposità glam anni settanta e si lanciarono con suoni più asciutti e diretti negli anni ottanta. Quest’album segnò la comparsa, per la prima volta su un album dei Queen, dei sintetizzatori. The Game contiene alcuni dei singoli più
venduti della band inglese: Crazy Little Thing Called Love di Freddie Mercury, Another One Bites the Dust di John Deacon ed ancora Save Me, una ballata di Brian May. The Game raggiunse per la prima volta il primo posto in classifica, sia in Gran Bretagna che negli Stati Uniti. Nello stesso anno i Queen composero la colonna sonora del film Flash Gordon. Anche se il film si rivelò in seguito un flop commerciale, la pellicola ebbe il merito di accrescere ancora la già smisurata fama del quartetto.

Il 1981 vide i Queen impegnati in un altro tour mondiale, che li portò in Europa, Stati Uniti, Giappone e, per la prima volta, in America Latina. Nello stesso anno uscì la prima raccolta ufficiale dei loro brani di maggior successo, Greatest Hits, che è tra i dischi più venduti dal quartetto (secondo le ultime stime, 12 volte disco di platino).
Al termine del tour, nel 1982, i Queen si dedicarono alla registrazione dell’album successivo, Hot Space. Il disco risentì del successo dell’album precedente, The Game, e abbandonò le sonorità rock per essere influenzato da disco e funk. All’epoca venne considerato un tradimento dai fan della vecchia guardia, abituati all’hard rock della band inglese, ed il loro peggiore album. I brani furono registrati con una produzione diversa; tuttavia non mancano pezzi di stile classicamente hard rock e glam come Under Pressure, scritta ed interpretata insieme a David Bowie.

Sempre attenti all’aspetto commerciale dei loro album e a causa del responso di pubblico non esaltante per Hot Space, nel 1983 i Queen sospesero le attività e si dedicarono a progetti solisti. A quella data risalgono le prime voci di un loro possibile scioglimento. Nel 1984 ritornarono con un nuovo album, The Works, che contiene ben quattro singoli: Radio Ga Ga, scritta da Roger Taylor ed uno dei loro più celebri inni da stadio, resa celebre dal battimano nel video guidato da Freddie Mercury (la canzone fu anche eseguita, dal gruppo durante il Festival di Sanremo, nel febbraio del 1984, in playback per l’unica volta nella loro carriera, e questo causò anche liti interne poco prima dell’esibizione); la ballata It’s a Hard Life, brano in parte ispirato all’opera I Pagliacci, e il cui videoclip era uno tra i preferiti di Mercury; Hammer to Fall e I Want to Break Free, canzone diventata un inno di libertà per i popoli sudamericani. Proprio quest’ultima avrebbe fatto nascere altre polemiche sui Queen. Il video che l’accompagna, su idea della ragazza di Roger Taylor, vede i quattro travestiti come le protagoniste di una popolare serie inglese dell’epoca. Giudicato molto divertente dagli inglesi, fu tacciato di cattivo gusto negli Stati Uniti e bandito dalle televisioni. Proprio le scarse vendite, a dispetto del successo dei quattro singoli e la presenza di altri brani sperimentali e di qualità su The Works, furono motivo di altre tensioni nel gruppo.
«Quando ci siamo travestiti per il video di “I Want To Break Free”, in Inghilterra tutti l’hanno presa come una cosa divertente, ma in America non l’hanno mandata giù, e l’hanno considerata un grave affronto.»
(Brian May.)

Il 1985 li vide protagonisti di due grandi eventi musicali. Il 12 gennaio furono gli ospiti principali del Rock in Rio, dove suonarono davanti circa 300.000 persone. L’evento che li consegnò alla storia fu però il Live Aid, concerto umanitario organizzato da Bob Geldof e tenutosi il 13 luglio 1985, che vide la partecipazione di numerosi artisti internazionali. I Queen si esibirono a Wembley per una ventina di minuti. A detta della stampa, del pubblico e degli altri musicisti presenti, per una volta
d’accordo, la loro interpretazione fu memorabile e addirittura una delle migliori di tutti i tempi; in particolare, Radio Ga Ga, cantata da Freddie Mercury che guidava il battimani dell’intero stadio, è rimasta nella storia.
La partecipazione al Live Aid rivitalizzò i Queen, che pubblicarono il singolo hard rock One Vision, poi utilizziato come colonna sonora del film L’aquila d’acciaio. Il brano figurò nel loro successivo album.

A Kind of Magic uscì nel 1986, e le composizioni fanno parte della colonna sonora del film Highlander. Il singolo A Kind of Magic arrivò primo in ben 35 nazioni e rilanciò in modo definitivo i Queen, che iniziarono il Magic Tour, il loro tour più grande e spettacolare. In 26 date raccolsero circa un milione di spettatori, di cui 400.000 solo in Gran Bretagna.
Il concerto al Wembley Stadium fu uno dei più famosi e celebrati. Si aprì con la canzone One Vision, e poi si concluse con l’inno inglese God Save the Queen. Il concerto durò più di due ore, fu una delle prime volte in cui Queen presentarono la canzone Who Wants to Live Forever. A Knebworth, il 9 agosto 1986, Freddie Mercury si esibì per l’ultima volta con i Queen in una delle sue prestazioni vocali più apprezzate.

Dopo il Magic Tour, i Queen si presero una pausa di tre anni. Freddie collaborò con il soprano Montserrat Caballé per registrare l’album Barcelona, la cui canzone omonima divenne tre anni dopo l’inno dei Giochi olimpici di Barcellona 1992. Nel 1989 i Queen ritornarono con l’album The Miracle, che contiene ben cinque singoli tra cui la potente I Want It All e la solare The Miracle, che li lanciò verso il disco di platino negli USA. Per la prima volta ogni singolo brano fu accreditato all’intera band, anche se per la maggior parte delle volte le canzoni erano per lo più scritte da un solo componente. Dell’album fanno parte anche singoli come The Invisibile Man, Breakthru e Scandal.
L’assenza di un tour, e le sempre più rare apparizioni di Freddie in pubblico, alimentarono le speculazioni della stampa sulla salute del cantante. Freddie si limitò a dire che la decisione di non compiere un tour era dovuta soltanto a lui, oltre che alla voglia di rompere il ciclo album/tour degli anni passati.
«Non penso che dimenticheremo mai il giorno che Freddie ci disse della malattia. Ce ne andammo via da qualche parte con la morte nel cuore.»
(Brian May)

Nel 1991 le voci su Freddie Mercury malato di AIDS divennero sempre più insistenti sui quotidiani scandalistici, ma furono negate con altrettanta determinazione dal cantante, da sempre in lotta con la stampa per proteggere la propria privacy. Nello stesso anno uscì l’album Innuendo, uno dei loro migliori a detta di pubblico e critica. L’omonima canzone è una piccola opera rock di sei minuti. Il video di supporto al singolo, consentì ai Queen di battere la loro stessa storia, superando in lunghezza quello di Bohemian Rhapsody. Tutto l’album risentì di un clima triste, per l’aggravarsi della malattia di Freddie. Tra gli altri brani sono citati anche: Headlong, potente hard rock; I’m Going Slightly Mad, brano surreale e volutamente ironico; la drammatica ed epica The Show Must Go On, di un’impressionante difficoltà vocale e These Are The Days of Our Lives, un ricordo dei
tempi passati insieme, nel cui video Mercury comparve pubblicamente per l’ultima volta. Casualmente, ma significativamente, le ultime parole del brano “I Still Love You” (Vi amo ancora) sembrano voler rappresentare quasi un ultimo saluto del cantante ai suoi fan.
Il 24 novembre 1991 muore Freddie Mercury

Il 20 aprile 1992 si svolse a Wembley il Freddie Mercury Tribute, il concerto in ricordo del cantante. Insieme ai tre componenti superstiti del gruppo, si alternarono sul palco altri artisti di spessore come Metallica, Guns N’ Roses, David Bowie, Roger Daltrey, Robert Plant, George Michael, Elton John, Liza Minnelli, Extreme, Def Leppard e molti altri, che eseguirono anche brani dei Queen. Il concerto, oltre che per l’eccezionalità dell’evento musicale, si segnalò per l’aver richiamato il mondo sul dramma dell’AIDS. Il giudizio della critica dal punto di vista squisitamente musicale fu impietoso: le tracce dei Queen cantate da altri cantanti misero in mostra, se mai ce ne fosse stato bisogno, l’inadeguatezza di questi nei confronti della voce e dell’interpretazione di Freddie Mercury. Il solo George Michael sembrò cavarsela abbastanza bene.

Nel 1995 uscì Made in Heaven, con le ultime registrazioni inedite di Freddie Mercury, che riportò i Queen ai primi posti delle classifiche di vendita. Il disco contiene vecchie tracce rielaborate non pubblicate negli album precedenti, come My Life Has Been Saved, le ultime tracce vocali di Freddie Mercury registrate prima di morire, come A Winter’s Tale, la ballata Too Much Love Will Kill You e Mother Love. Quest’ultima sembra che sia l’ultima traccia vocale registrata da Mercury.
Due anni dopo nel 1997 fu pubblicato Queen Rocks, una compilation che raccoglie le canzoni più dure della band, tra cui Stone Cold Crazy, One Vision, Hammer To Fall ed I Want It All. Inoltre c’era una complessa revisione di I Can’t Live With You e No-One But You, brano inedito suonato dai tre rimanenti membri della band, con l’alternarsi alla voce di Brian May e di Roger Taylor, in memoria di Freddie Mercury e successivamente di Lady Diana, scomparsa in quell’anno (sarà l’ultimo brano in cui John Deacon suonerà il basso per i Queen).
Altri due anni dopo 1999 uscì il Greatest Hits III, una raccolta giudicata dalla critica “per mantenere alto il nome Queen”.

Nonostante la scomparsa di Freddie Mercury, leader indiscusso e simbolo della band, la musica dei Queen è sopravvissuta al cantante, continuando a riscuotere successo anche negli anni seguenti e conquistando ancora molti fan tra le nuove generazioni.
Tra le partecipazioni live più significative dei Queen in giro per il mondo senza Freddy ricordiamo :
Nel 2002 al Party at the Palace a Londra e nel 2003 invece sono stati ospitati al Pavarotti & Friends, dove hanno suonato We Will Rock You (cantata da Brian May), Radio Ga Ga (cantata da Roger Taylor), Too Much Love Will Kill You (in un duetto fra Brian May e Luciano Pavarotti, che cantava la stessa canzone con strofe in italiano), e We Are the Champions (cantata da Zucchero).
Prova del continuo affetto dei fan è il tour mondiale sostenuto dal 2005 al 2006 da Brian May e Roger Taylor, che ha riscosso un enorme successo in Europa e negli Stati Uniti.

Al fianco del chitarrista e del batterista vi è stato l’ex cantante di Free e Bad Company, Paul Rodgers. Per scelta dei due membri della band, il tour è sempre stato annunciato come Queen + Paul Rodgers, per specificare come non si trattasse di un cambio di formazione ma di un'”aggiunta” occasionale alla band originale, dovuta alla necessità di avere un cantante. Precedentemente, infatti, molti fan avevano espresso il loro malcontento per un’eventuale nuova formazione della band storica. Ma i rimanenti Queen non hanno mai cercato un nuovo cantante, nonostante l’ammirazione di molti artisti come la popstar Robbie Williams, che nel 2004 aveva addirittura dichiarato: “Mi sarebbe piaciuto prendere il posto di Freddie Mercury nei Queen”.
Da questo come da altri progetti della band senza Freddie Mercury, il bassista John Deacon si è sempre dissociato, pur riferendo la propria non ostilità verso tali operazioni. La sua ultima apparizione con il resto della band risale al 17 gennaio 1997, al Ballet for Life – Music by Queen & Mozart tenutosi a Parigi, in Francia. In questa occasione fu eseguita dal vivo The Show Must Go On, assieme ad Elton John. Ora John Deacon vive in Inghilterra con la sua famiglia, e lavora come piccolo imprenditore.
Così nella primavera del 2005 i Queen + Paul Rodgers partono per una tournée che toccherà anche 4 città italiane (Roma, Milano, Firenze e Pesaro).
Il 19 settembre, il tour europeo Queen + Paul Rodgers ha dato vita al doppio CD live “Return of the Champions” e dopo meno di un anno il 15 agosto 2006, Brian May ha annunciato il ritorno dei Queen con la registrazione di un nuovo album di studio, dopo 12 anni di silenzio discografico. La “nuova” formazione comprende May, Taylor e Paul Rodgers.

Nel marzo 2008, è stato annunciato da parte del gruppo sia il lancio del nuovo album The Cosmos Rocks, pubblicato il 15 settembre 2008 in Europa e il 14 ottobre in USA, sia il nuovo tour.
Nel novembre del 2009 uscì una nuova raccolta dei brani dei Queen, chiamata Absolute Greatest, che raggiunse la terza posizione della classifica britannica. La raccolta venne preceduta e seguita da una serie di quattro cofanetti (The Singles Collection) contenenti le versioni rimasterizzate dei singoli pubblicati dalla band nel corso della carriera.
Dal 30 giugno il duo ha ricominciato a collaborare con Lambert.
La band ha riscosso nel corso degli anni un grandissimo successo di pubblico ed ha avuto una forte influenza sulle generazioni che l’hanno seguita e sui musicisti che ad essa si sono ispirati. Ognuno dei componenti era in grado di occuparsi della parte compositiva dei, ma era Freddie Mercury il personaggio più noto del gruppo, sia per via del ruolo di leader sia per le proprie straordinarie capacità vocali, con un’estensione pari a tre ottave, senza l’uso del falsetto.
Altra caratteristica che li ha resi celebri erano le loro esibizioni dal vivo; dal 1970 al 1986 hanno sostenuto 707 concerti in 26 nazioni toccando tutti e 5 i continenti. Alla band è stato spesso attribuito, nel corso degli anni, il titolo di miglior live-band della storia e la loro esibizione al Live Aid è stata votata da un vasto numero di critici non solo come la migliore dell’evento, ma una delle migliori in assoluto della storia della musica.

FONTE: Wikipedia & musictory.it



Radio One

Radio One

Current track

Title

Artist